Viaggiare, gioia e tormento dell’anima.

Ok oggi il 7 novembre 2018 il tema di oggi è viaggiare.

Viaggiare…  una gioia dolorosa che ti cresce all’interno.

E una mentalità sfortunata di chi a e ha avuto l’opportunità di vedere la vita da un punto di vista diverso. Perché’ dico sfortunata? Perché viaggiare, ti apre la mente e ti tarpa le ali, dopo la prima volta che hai lasciato il nido, inteso come paese di provenienza, viaggiare ti permette di vedere tutto quello che c’è di bello nella società dalla quale vieni e sei cresciuto, ma al tempo stesso ti forza a non essere mai felice di tornare a casa perché’ quando lo fai, c’è sempre qualcosa che ti ricorda il perché te ne sei andato mentre quando te ne vai hai solo il rimpianto quello di bello che hai lasciato. (pensiero comune di molti espatriati)

Viaggiare e un dono e una sfortuna e i viaggiatori, quelli veri intendo, dovrebbero essere tenuti in considerazione dai governi e dalle società nei quali risiedono,  perché’ permettono e comunicano maniere di pensiero diverse, portano soluzioni impensate e il tormento di chi, seppure sia alla costante ricerca del posto perfetto per fermarsi, non riesca più a trovarsi soddisfatto.

Quando si prende il volo una volta, poi e difficile smettere di volare.

 

Travel is a painful joy who grows up in you.

Traveling is an unlucky mentality of who had the chance to see the life from a different point of view. Why do I say unlucky! Because traveling opens your mind but clips your wings. After the first time, you leave the nest, meaning as the country of origin, to trave allows you to see all beauties from the society on which you are from but at same time force you to not be happy where ever you go. Back home or overseas. When you do it there is always something reminds you why you are not happy and why you have left the nest as first.

To travel is a dirty gift and traveler, the real ones, should have to be kept in high consideration from governs and society as they bring different mentalities, unpredictable solutions whit the torment of who is a constant seeker without finding itself never completely fulfilled.

When you fly one time it is difficult to stop.

 

Simone

07/11/2018

Leave a Reply

Your email address will not be published.